Gialli

E’ arrivata la primavera

In sezione la primavera è stata rappresentata osservando il mutamento degli alberi che si vedono dalle finestre della nostra classe, alberi pieni di fiori rosa e bianchi.
Il progetto ha stimolato gradualmente nei bambini la capacità di osservazione della realtà e della natura che ci circonda e la capacità di trarne ispirazione per la propria espressione creativa.
L'osservazione del giardino della scuola e dei suoi colori ci ha portato a parlare dei colori della primavera e alla fine, su invito del nostro personaggio “Ale una mano speciale”, che ci ha suggerito di utilizzare le mani per i nostri lavori, abbiamo realizzato un elaborato.

E’ arrivata la primavera

Mani che lasciano, mani che prendono

Qualche giorno prima della festa del papà, ho letto ai bambini un libro preso nella biblioteca della nostra scuola; “Le mani di papà” dell’autore e illustratore belga Emile Jadoul. Pochi libri per bambini sono capaci di raccontare il rapporto padre e figlio dal punto di vista del corpo. La storia è un tuffo intimo e delicato nell’incontro fra un bambino e il suo papà. E’ emozionante leggere e scoprire il dolce rapporto “a pelle” che può esserci tra babbo e figlio: una progressiva scoperta del mondo attraverso le forti e delicate mani del papà, portatrici di un’energia particolare, unica, complementare a quella femminile.

Racconti sul papà

Con le mani..

Il buffo personaggio che ci tiene compagnia  nei pomeriggi a scuola è una mano variopinta e insieme a lei vogliamo andare alla scoperta delle mani, dei messaggi, dei gesti e delle azioni che utilizzano le mani per comunicare. Ogni bambino ha espresso e detto ciò che pensava e con le risposte date da ognuno ho realizzato un cartellone (brainstorming).

gialli

“A Carnevale ogni scherzo vale!”

È questa la frase tipica del Carnevale e sta ad indicare che, in questo periodo, è consentito scherzare e, in senso più ampio, mascherarsi e divertirsi riscoprendo e sperimentando la magia del travestimento. Il Carnevale è la festa per eccellenza del divertimento, dell’allegria e della serenità e offre numerose occasioni per acquisire la padronanza dei mezzi e delle tecniche che rendono il bambino capace di esprimersi nei vari codici (grafico - pittorico, manipolativo, mimico - gestuale, ecc.).

gialli

La ghirlanda di Natale

Il Natale nella scuola dell’infanzia è l’occasione per offrire ai bambini nuove esperienze didattiche, per valorizzare sentimenti di amicizia, di solidarietà, di pace in un contesto educativo accogliente e stimolante. Natale è la ricorrenza che più di ogni altra assume una molteplicità di valori e di significati fondamentali per la vita di ognuno. Tutti sono coinvolti: dalle persone agli ambienti che si aprono ad accogliere la nascita di Gesù.
Per augurare Buon Natale a tutti, anche alla nostra amica “Ale una mano speciale” abbiamo preparato una ghirlanda fatta con l’impronta delle nostre mani.

La ghirlanda di Natale

Decorazioni per l’albero

Come tutti gli anni, durante il periodo natalizio, i bambini sono coinvolti nella preparazione delle decorazioni per l’albero di Natale.
Così abbiamo seguito il consiglio della nostra amica “Ale una mano speciale”, che ci ha suggerito di usare le nostre mani: abbiamo deciso di preparare la pasta di sale e ci siamo messi subito all’opera.

Decorazioni per l'albero

Ale una mano speciale

Un buffo e strano personaggio ci dà il benvenuto e accompagnerà i bambini nel percorso educativo-didattico durante le attività pomeridiane. E’ una grossa mano variopinta  che si anima e si presenta: è Ale una mano speciale, che accoglie i bambini con modi affabili e scherzosi.

gialli

Costruisci la ranocchia

La nostra amica rana Silvana prima di salutarci e augurarci “ buone vacanze”, ha voluto farci un ultimo regalo e fare in modo che noi potessimo ricordarci sempre di lei.
Sul tavolo in classe ci ha lasciato tante sagome di ranocchie disegnate su un cartoncino verde, che però erano da assemblare.

costruisci la ranocchia

Un percorso divertente

Una mattina di giugno, abbiamo trovato in classe un’altra lettera di rana Silvana che diceva così:
Se finora vi siete divertiti, ecco un altro gioco per i più arditi!
Sopra e sotto, dentro e fuori, state attenti a non fare errori.
Se le mie indicazioni seguirete attentamente
al traguardo arriverete allegramente.

un percorso divertente

La ninfea

Nello stagno vive una pianta acquatica: la ninfea, che ha foglie larghe e fiori galleggianti; i suoi petali possono essere di vari colori sfumati bianchi, rosa o lilla.
I bambini hanno cercato di riprodurre questo bellissimo fiore: per prima cosa hanno colorato le foglie con un gessetto verde e l’acqua dello stagno che circondava il fiore, con un gessetto azzurro, poi hanno strappato tanti pezzetti di carta velina rosa e lilla in tante forme diverse e di varie dimensioni e li hanno messi in un contenitore, pronti per essere incollati sui petali della ninfea, con la tecnica del collage.

la ninfea

Pagine

Abbonamento a RSS - Gialli

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.