Rossi

Gioco in cerchio

Il “gioco in cerchio” consiste nel darsi la mano e girare in cerchio, recitando una filastrocca o cantando una canzone. E’ un gioco che favorisce la socializzazione e veniva praticato in ampi spazi, nei cortili delle scuole o delle corti fin dai tempi antichi.

cerchio

Un, due, tre...stella!

Un, due, tre… stella! è un gioco da bambini tradizionale, dove tutti i giocatori, salvo il “capogioco”, si pongono dietro una linea, mentre il “capogioco” si pone di spalle appoggiato a un albero o a un muro a circa una ventina di metri.

stella

Giochiamo a nascondino

Il nostro progetto pomeridiano continua con la sperimentazione di giochi all’aperto, quelli che un tempo erano molto praticati dai nostri nonni ma, al giorno d’oggi, molto meno.
Il primo gioco che abbiamo fatto è stato nascondino (in portoghese si dice “esconde-esconde” come ci ha insegnato il nostro nuovo compagno Davide P.), un tradizionale gioco da fare con un gruppo numeroso. Ed eccoci allora pronti a giocare grandi e mezzani insieme.

nascondino

Costruiamo un giocattolo

I nostri nonni , nella loro intervista, ci hanno spiegato che un tempo i giocattoli erano pochi e che molti li costruivano loro con il materiale che avevano a disposizione inutilizzato: vecchi stracci, barattoli di latta, sassi, carta, scatoloni ecc… Per questo motivo abbiamo voluto provare a realizzare un gioco con le nostre mani, proprio come facevano i nostri nonni da piccoli. In occasione del carnevale, ormai alle porte, abbiamo costruito lo “spara coriandoli” fatto con un rotolo di carta igienica, un palloncino e della carta da regalo.

giocattolo

Saltiamo con la corda

Un altro gioco di ieri, molto usato dai nostri nonni è quello del salto alla corda. Consisteva nel saltare una corda che veniva fatta oscillare al di sotto dei piedi e al di sopra della testa. Il materiale era una semplice: una corda.

corda

Giochiamo a campana

Il nostro percorso di conoscenza dei giochi di ieri inizia con il gioco della campana. Il gioco della campana è uno dei più antichi e diffusi giochi da cortile che si conoscano e viene chiamato in diversi modi: riga, mondo, paradiso o settimana. I nostri nonni, per giocare a campana, usavano un gessetto, un sassolino e il pavimento della strada.

campana

Raccogliamo le idee

Le interviste fatte ai nonni sui giochi e i giocattoli di un tempo, ha dato i suoi frutti, i nonni hanno risposto in modo ricco e soddisfacente.

idee

Giochi di ieri...oggi

Il progetto pomeridiano di quest’anno, che coinvolge i mezzani e i grandi, sarà improntato sulla conoscenza e sperimentazione di giochi e giocattoli antichi, per intenderci: i giochi e i giocattoli dei nostri nonni.

giochi

Anno scolastico 2018-2019

Condividere

Ogni genitore intuisce quanto siano fondamentali per il proprio bambino le interazioni con i coetanei, la capacità di relazionarsi con loro, ma anche di condividere i propri giochi imparando a gestire le complesse emozioni di rabbia e di tristezza. Tuttavia, forse non sa che lo sviluppo di buone abilità “sociali” influisce anche sul benessere futuro del piccolo, riuscendo a predire il suo successo scolastico e lavorativo. Ecco perché ogni bambino grande è stato invitato a portare a scuola un gioco da condividere con i compagni, richiesta che stata ben accolta da tutti anche da una bambina mezzana.

Il gioco del MEMORY di Winny the Pooh e Topolino di Giorgia C. e Davide

condividere

Pagine

Abbonamento a RSS - Rossi

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.