Draghetti

Giochi d'acqua

L’ ultimo giorno di attività nei gruppi, complice una bellissima giornata di sole, sono stati organizzati divertenti giochi d’ acqua in giardino dove i draghetti verdi, gialli e lilla hanno dato vita a sfide emozionanti; posta in palio: la promozione nel gruppo dei leoni per i vincitori!!

Primo gioco: riempire una bottiglia facendo una staffetta con una spugna intrisa d’ acqua. Gruppo vincente: i draghetti verdi.

Draghetti

 

Visita all'acquario civico di Milano

Giovedì 18 maggio, tutti all’ acquario!!!!

La nostra uscita è iniziata con una bellissima merenda al parco per poi continuare all’ interno dell’acquario dove alcune guide ci hanno accompagnati alla scoperta di numerose specie acquatiche.

Draghetti

 

Un quadro in diretta

Venerdì 12 maggio, i bambini hanno avuto la possibilità di vivere una bellissima esperienza: osservare due pittori che, a scuola, hanno dipinto un meraviglioso quadro!

Draghetti

 

I suoni dell'acqua

I bambini sono stati coinvolti in un divertente gioco, attraverso il quale hanno capito che anche l'acqua produce suoni. Ecco come si è svolta l'attività: dopo aver ascoltato un suono dell'acqua i bambini hanno ipotizzato di cosa si trattasse tra quelli possibili( la pioggia, la goccia che scende dal rubinetto, le onde del mare, il ruscello, la cascata e infine l'acqua schizzata dai bambini che saltano nelle pozzanghere). Abbiamo registrato le ipotesi su un cartellone e successivamente le abbiamo verificate, guardando il video che riproduceva il suono ascoltato.

Draghetti

 

Pittori per un giorno

L’acqua ha preso forma anche nelle storie e nei quadri che in questa ultima parte dell’anno abbiamo presentato ai bambini.

In riferimento ai quadri abbiamo presentato quattro quadri raffiguranti l’acqua e di ognuno l’insegnante ha dato alcune semplici informazioni (titolo, tecnica utilizzata e autore). Insieme poi abbiamo analizzato ogni singolo quadro, individuando il soggetto rappresentato, i colori utilizzati e le emozioni suscitate.

Draghetti

 

Le azioni dell'orto

Coltivare è il gesto più antico, forse il primo che ha consentito di parlare di civiltà.

Coltivare un orto a scuola è coltivare prima di tutto dei saperi. Saperi che hanno a che fare con i gesti, con un apprendimento esperienziale che le generazioni più giovani non sempre hanno modo di sperimentare.

Coltivare nella scuola l’orto permette di “imparare facendo”, di sviluppare la manualità e il rapporto reale e pratico con gli elementi naturali e ambientali, di sviluppare il concetto del “prendersi cura di”, di imparare ad aspettare, di cogliere il concetto di diversità, di lavorare in gruppo e permette agganci reali con l’educazione alimentare e il cibo.

Draghetti

 

Lo spaventapasseri

Lo spaventapasseri è il metodo più antico utilizzato dai contadini per proteggere l’orto dagli uccelli. E’ un fantoccio dalle sembianze umane che, montato su due bastoni di legno incrociati, serve a incutere timore negli uccelli di passaggio.

Per il nostro orto i bambini si sono divertiti a costruire uno spaventapasseri.

Ecco come è stato realizzato:

I draghetti di Elena hanno creato il viso; un sacco di juta ha formato la testa, per gli occhi sono stati utilizzati dei vecchi cd e carta metalizzata, mentre per la bocca un gomitolo di lana rossa.

 

L’orto

La magia della nascita, la soddisfazione di veder crescere una piantina curata con le proprie mani: basterebbe questo per spiegare il perché dell'importanza di coltivare un orto insieme ai bambini. Ma le ragioni sono molte di più. 

Innanzitutto, è il modo più semplice per avvicinare i piccoli alla natura e alla sensibilità ecologica. Ma altrettanto importante è lo sviluppo della responsabilità: il seme si schiude, la piantina cresce e dà frutto solo attraverso due ingredienti fondamentali: la pazienza e la costanza. Quale miglior insegnamento per un bambino?

draghetti

Non c’è acqua da perdere

Ma l’uso che ne facciamo dell’acqua è sempre corretto? I bambini hanno sperimentato che l’acqua, se sprecata, potrebbe non bastare più!

Ai bambini è stato consegnato un foglio con rappresentate cinque situazioni nelle quali viene utilizzata l’acqua ed è stato chiesto loro di colorare solo l’acqua, utilizzando la quantità di tempera disponibile nel piatto.

draghetti

Uso l’acqua dolce per …

Continua il nostro percorso analizzando l’acqua da un punto di vista ecologico. Preziosa e di semplice utilizzo, facile da reperire, disponibile quasi ovunque, presente sotto più forme, ma non sempre utilizzata con cura. Aiutiamo così i bambini a capire quando usiamo l’acqua e come possiamo impiegarla in modo responsabile, partendo dalla vita di tutti i giorni.

draghetti

Pagine

Abbonamento a RSS - Draghetti

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.