Draghetti

Lettura della storia “Teodora e draghetto”

Durante il periodo di accoglienza nel gruppo dei draghetti, le insegnanti hanno letto la storia di “Teodora e draghetto” (disponibile in allegato), mettendo in rilievo la figura del draghetto e di quello che gli era successo.

draghetti

Giochiamo insieme?

Iniziano i gruppi di intersezione: ci siamo lasciati "delfini" e ci ritroviamo "draghetti", abbiamo un anno in più, ma ci ricordiamo i nomi e i volti dei nostri compagni? Ecco alcuni giochi per conoscerci meglio, fare amicizia e soprattutto per divertirci e ridere insieme

Io mi chiamo... 

I bambini si dispongono in cerchio. L'insegnante tiene una palla in mano e pronuncia il suo nome, poi la passa al bambino di fianco. Quando riceve la palla tra le mani, il bambino si presenta dicendo il suo nome. Il gioco termina quando tutti si sono presentati. Varianti:

- Nel pronunciare il proprio nome si può regolare il tono di voce (alto, basso o medio, urlando o sussurrando..).

- Dopo il nome si aggiunge ".. e vorrei essere ..."  (ad esempio un personaggio, un super eroe, un animale, un colore..).  In tal modo il bambino comunica qualcosa di sé e lo condivide con il gruppo.

draghetti

Il fico Rodolfo

Questo simpatico personaggio, ha presentato ai bambini l’articolo 24, “Ogni bambini ha diritto a stare bene”. Rodolfo è un tipo salutista, tutto dieta sana e movimento; i bambini lo hanno realizzato utilizzando pastelli a cera e fili di lana viola precedentemente tagliati da un gomitolo.

il fico Rodolfo

Il racconto di “Ugo il pollo”

La lettura della storia di Ugo, un pollo terrorizzato dal temporale, ha permesso ai bambini di capire che, se vogliono star bene, data la loro giovane età, è indispensabile che qualcuno si prenda cura di loro, proprio come ha fatto Ugo con l’uovo che gli è stato affidato e dal quale è poi nato un pulcino bello e sano. (vedi allegato)
Dopo la lettura, ogni bambino ha deciso quale parte della storia rappresentare graficamente.

attività sulla storia

La piramide alimentare, la piramide sportiva, il rettangolo emotivo

I bambini, seguendo un modello dato, hanno disegnato, all’interno di una piramide, i cibi indispensabili per la crescita e per una vita sana, puntando l’attenzione anche sulla quantità e sulla frequenza con le quali devono essere assunti.
Sulla piramide sportiva hanno invece disegnato le attività fisiche per un armonico sviluppo corporeo arrivando a capire che non c’è cosa più dannosa che passare molto tempo seduti davanti alla tv o ai videogiochi.

piramide sportiva

Il puzzle degli alimenti

Dopo aver capito le caratteristiche degli alimenti, i bambini hanno colorato, all’interno di un reticolato, quei cibi salutari che bisogna  consumare quotidianamente e in grande quantità

cartellone alimenti

Più puliti più sani

Al termine di una conversazione guidata, i bambini hanno compreso che, per mantenersi in salute, è indispensabile anche un’accurata igiene personale e ambientale. Hanno così realizzato un cartellone sul quale hanno incollato immagini di prodotti per la pulizia della persona (bagnoschiuma, sapone, shampoo, dentifricio, …) e degli ambienti (detersivo per pavimenti, sgrassatore, strofinacci, …) dopo averle ricercate e ritagliate da giornali e riviste.

cartellone sull'igiene

Arabella e l’articolo 12: ogni bambino ha il diritto di esprimere le proprie opinioni

Per  decorare Arabella quale materiale migliore se non proprio le bucce d’arancia?

l'arancia Arabella

Brainstorming: ascolto

Per questa ragione abbiamo proposto un brainstorming sulla parola “ascolto”.

brainstorming

Posso dire la mia? Io parlo tu ascolti, tu parli io ascolto

Cosa significa ascoltare? Intervistiamo i bambini per vedere se hanno capito il significato più profondo di questa parola. Tutti hanno risposto correttamente: ascoltare significa prestare attenzione a chi parla. Se tutti quanti ascoltassimo di più anche i bambini più timidi e riservati verrebbero stimolati ad esprimersi.

attività sull'ascolto

Pagine

Abbonamento a RSS - Draghetti

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.