Delfini

Mi presento

L’ingresso nella scuola dell’infanzia comporta per il bambino l’entrata in un microsistema diverso da quello famigliare; è un momento di crescita ed è proprio in questo contesto  che  si relaziona con figure nuove, come il gruppo dei pari e l’insegnante.

Nei rapporti di amicizia e attraverso il gioco  il bambino impara importanti lezioni di vita che implicano condivisione, mediazione, empatia, accoglienza e ascolto.

Importante è inoltre la relazione tra l’insegnante e il bambino; è un rapporto attivo e reciproco,  aiutandolo ad andare un po’ oltre per allargare e arricchire il suo sguardo  sul mondo. Per favorire il raggiungimento di quanto appena spiegato, abbiamo organizzato la seguente attività: dopo che l’ insegnante ha fatto scegliere ai bambini i colori del vestito , ritagliato il viso e le altre parti del corpo, i bambini li hanno incollati sul cartoncino o direttamente sul cartellone.

Eccoci qui!!!!! Siamo i delfini della scuola dell’infanzia Adele.

Guardate che capolavoro!

Classe dei gialli:

Mi presento

La scansione della giornata scolastica

La giornata tipo alla scuola dell’infanzia, prevede alcuni momenti definiti di routine: accoglienza, attività e gioco, igiene e cura personale, pranzo, sonno e relax, saluto e ricongiungimento con il genitore che si ripetono quotidianamente e che scandiscono il ritmo del tempo garantendo al bambino sicurezza e serenità. Alla scuola dell’infanzia la scansione della giornata è stata realizzata, in ogni sezione, in un cartellone con immagini colorate, dove i bambini possono interagire spostando una molletta nell’immagine relativa al momento che si sta vivendo. Ecco alcuni esempi.

giornata

Il cartellone della classe degli arancioni

anno scolastico 2020/2021

Ciao Leonardo

Ciao bambini,

e’ arrivato il momento di salutare il nostro amico  Leonardo. Di lui abbiamo scoperto tante cose che sono riassunte in questa simpatica filastrocca che ci ricorda, ancora una volta, la sua genialità.

Ciao Leonardo

Lungo e corto, vicino e lontano

 

Ciao bambini, come ormai sapete benissimo Leonardo era un vero genio e per lui non c’erano problemi nel comprendere  delle indicazioni quali lungo e corto oppure vicino e lontano. Sicuramente non  c’è nessun problema anche per

voi … volete mettervi alla prova?

Seguite  le indicazioni delle schede che trovate in allegato.

Leonardo Da Vinci

 

In alto, in basso

I bambini si avvicinano al concetto delle dimensioni sperimentando e giocando. Attraverso le esperienze quotidiane essi sperimentano che ci sono cose più grandi e cose più piccole, oggetti più alti e oggetti più bassi. Crescendo, i bambini scopriranno che ci sono delle unità di misura che gli consentiranno di rappresentare queste differenze, nei primi anni di vita devono però imparare a confrontare le dimensioni sfruttando le loro esperienze e ovviamente il gioco. Con questa attività, che troverete in allegato, vedremo da vicino il concetto di “in alto e in basso”.

In alto, in basso

Ripassiamo le forme geometriche

Ciao bambini, vi ricordate l’Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci?

L'uomo Vitruviano

 

Giochiamo con i colori

Pronti a giocare con una tavolozza come quella di Leonardo? E allora preparate pennarelli, cartoncino, colla, mollette da bucato e scotch. Dopo aver stampato il disegno, colorate le macchie di colore utilizzando il rosso, il giallo, il blu, il verde, l’arancione, il viola, il rosa ed il marrone, non importa in quale ordine. Utilizzando le stesse tinte, colorate poi le goccioline

delfini

Piccolo, medio e grande

Ciao bimbi! Guardandovi intorno vi sarete sicuramente accorti che esistono oggetti, persone o animali piccoli, medi, cioè ne grandi ne’ piccoli, e grandi. Anche Leonardo ha disegnato quadri di diverse dimensioni, sta a voi collocarli, dopo averli ritagliati con l’aiuto di mamma o papà, nella giusta cornice! In allegato trovate i quadri e le cornici. Divertitevi poi a ritagliare dalle riviste o a disegnare cose piccole, medie e grandi magari suddividendole per categorie (animali piccoli, medi, grandi, frutti, giocattoli, …).

delfini

Leonardo inventore

Ci sono molti motivi per ringraziare Leonardo da Vinci. L'inventore italiano infatti durante la sua vita ha realizzato e progettato molti oggetti che, ancora oggi, usiamo quotidianamente. Sebbene Leonardo fosse un pacifista, creò macchine da guerra come il carro armato: aveva la possibilità di spostarsi manovrato da 8 uomini che avrebbero dovuto spingerlo con la forza delle loro braccia. Hai presente le foto e i video subacquei che ti fanno venire una voglia matta di fare un tuffo in mare? Bene, Leonardo ha ideato una muta formata da giacca, pantaloni e maschera con occhiali uniti a formare uno scafandro completo. C’era da aspettarselo, Leonardo ha progettato anche l’automobile, era una specie di trabiccolo a molla, un oggetto teatrale utilizzato per stupire gli spettatori. Ma gli oggetti più strabilianti ideati da Leonardo sono state le macchine volanti. Si appassiona al volo fin da giovane, studiando anche la struttura delle ali degli uccelli

delfini

Pagine

Abbonamento a RSS - Delfini

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.