Azzurri

Dipingo col pennello

Dopo aver conosciuto la storia di Beatrice la farfalla pittrice abbiamo provato a seguire i suoi suggerimenti e utilizzando tempere e pennelli abbiamo provato a rendere il mondo più bello!

azzurri

Beatrice, farfalla pittrice

Uga la tartaruga, il nostro personaggio che fa da filo conduttore alle attività del pomeriggio è arrivato con una sorpresa per noi, tanti cartoncini colorati che raccontavano la storia di Beatrice, una farfalla pittrice. I bambini hanno ricostruito la storia leggendo le immagini che poi abbiamo riordinato in sequenza e appeso in classe.

azzurri

Gli addobbi di Natale nella nostra classe

Quest’anno l’albero di Natale nella classe degli azzurri è stato addobbato con tante palline natalizie realizzate con la pasta di sale colorata con la tempera rossa. Gli addobbi sono stati fatti interamente dai bambini piccoli che hanno ritagliato le palline utilizzando le formine tagliapasta. Le palline sono state poi decorate con i brillantini rossi. Infine la maestra ha messo un filo di lana per poter appendere le palline sull’albero. Ecco il nostro albero di Natale.

Gli addobbi della classe

Con Uga la tartaruga..” scopro un mondo proprio bello e lo dipingo col pennello”

Nella classe degli azzurri una nuova amica è venuta a trovarci, è una simpatica tartarughina a cui piacciono tantissimo i colori e utilizzarli con fantasia! Ecco la proposta dell’attività del pomeriggio…

azzurri

Viva l'estate

Si avvicina l’estate e nell’aria c’è già tanta voglia di vacanze, anche il nostro amico Topo si sta organizzando per andare in vacanza, infatti nella sua lettera ci ha raccontato che ha intenzione di partire per il mare e prima di salutarci vuole farci un altro regalino…un libro che ci insegna a piegare la carta per ottenere tante cose, lui ci suggerisce di fare una barchetta di carta.
Dopo aver sfogliato il libro degli origami abbiamo deciso di seguire il suo consiglio e abbiamo provato a realizzare tante barchette di carta.

barchette di carta

Storie da leggere e drammatizzare

Tra le tante storie che si possono leggere ai bambini, noi abbiamo scelto questa: Il vento e il sole (Esopo).
 
Ecco la storia:

Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.
Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e decisero che il più forte di loro sarebbe stato colui che sarebbe riuscito a togliergli i vestiti .
Il vento, così, si mise all'opera : cominciò a soffiare ,e soffiare , ma il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.

Il topo con gli occhiali ci saluta

E’ arrivato il momento di salutarci…comincia così la lettera che ci ha scritto il nostro amico Topo!
Dopo un anno trascorso insieme il nostro personaggio ci saluta e ci ringrazia dell’accoglienza e dell’affetto che gli abbiamo dimostrato. E’ felice di averci conosciuto e di averci trasmesso un po’ di passione per i libri e per la lettura.

Il gioco dell'oca

Al nostro amico Topo con gli occhiali è venuta una bella idea: ci ha portato un gioco che a lui è sempre piaciuto il gioco dell’oca!
Felici per aver ricevuto un inaspettato regalo ci siamo subito messi a giocare. La maestra Anna ci ha spiegato le regole del gioco: i giocatori allineano i segnaposto fuori dalla prima casella, scopo del gioco è percorrere l’intero tabellone e raggiungere la casella del tesoro prima degli avversari. A turno si lancia il dado e si avanza di tante caselle quanto il numero uscito.

Cantiamo insieme

Del nostro amico abbiamo anche imparato una canzone che si intitola proprio ... Il topo con gli occhiali

Queste le parole:

In una libreria dietro agli scaffali
Aveva la sua tana un topo con gli occhiali
Di giorno dormicchiava, così si nascondeva
Nessuno immaginava che lui vivesse lì.

Giochi di movimento

Questa volta il nostro amico Topo ci ha portato un nuovo libro ma non da leggere, un libro con tanti bei giochi di movimento da fare tutti insieme…ne abbiamo scelto qualcuno e ci siamo divertiti a giocare.
A chi passo la palla? Nessuno escluso!
Come si gioca? Due gruppi in cerchio si passano la palla secondo una sequenza e una progressione prestabilita.
Questo è un semplice gioco che richiede coordinazione oculo-manuale e attenzione visiva e trattandosi di un gioco realizzato in cerchio è fortemente sollecitata la componente relazionale. Come si gioca? Due gruppi con una palla sono disposti in cerchio ed effettuano passaggi, lanci e riprese della palla: si possono introdurre varianti tipo…passare la palla al compagno di destra, passare la palla sempre verso destra ma al compagno successivo a quello di fianco, invertire la direzione dei passaggi…

Pagine

Abbonamento a RSS - Azzurri

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.