Didattica

Delfini della classe dei blu: gli amici dell'igiene

Partendo dalla caccia al tesoro sugli amici dell’igiene ci siamo soffermati sulle due importanti autonomie che i bambini piccoli stanno raggiungendo (il soddisfacimento dei propri bisogni e il lavaggio accurato delle mani) individuando per ognuno gli oggetti che si utilizzano, concetto rappresentato anche in una rielaborazione individuale.

gli amici dell'igiene

Draghetti della classe dei blu: la piramide alimentare

Abbiamo realizzato con i bambini la piramide alimentare, al fine individuare insieme quali sono i cibi che fanno bene al nostro corpo e quali invece è meglio moderare o limitare. 

la piramide alimentare

Classe degli Arancioni: Autunno pittore!

“Finché ci sarà l’autunno, non avrò abbastanza mani, tele e colori per dipingere la bellezza che vedo” come dare torto al grande pittore Vincent Van Gogh…

Ecco allora quello che hanno realizzato i bambini per ricreare, all’interno della classe, una suggestiva atmosfera autunnale.

Hanno dapprima realizzato bellissimi elaborati prendendo spunto dal canto sull’autunno che hanno imparato nel quale vengono elencati i frutti della stagione, l’uva, la pera, la mela, la zucca, …, con tecniche differenti: i leoni hanno utilizzato gli acquerelli, i draghetti le tempere, i delfini i ritagli di giornale; per tutti le foglie, intere o sbriciolate.

Autunno pittore

I leoni della classe Arancione: la piramide alimentare

“Non voglio la pappa” è il libro di Alberto Pellai che abbiamo letto non solo per introdurre il discorso sul pranzo come uno dei momenti che compongono la giornata scolastica ma anche quello sull’importanza di una sana alimentazione, tematica ben recepita soprattutto dai bambini grandi.

Dopo aver ragionato su questo argomento, abbiamo costruito la piramide alimentare che aiuta a visualizzare quali alimenti vanno consumati e in quale quantità che diminuisce dalla base al vertice.

I bambini hanno utilizzato tre colori, il verde, l’arancione e il rosso, per caratterizzare tre fasce nella piramide, dopo aver colorato immagini di cibi, le hanno ritagliate e incollate nella zona corrispondente: ciò che va mangiato quotidianamente nella zona verde, con meno frequenza in quella arancione, raramente in quella rossa.

La piramide alimentare

I draghetti della classe arancione: gli ambienti della scuola

Durante il progetto accoglienza, la scoperta degli ambienti che compongono la scuola è di fondamentale importanza per conoscersi, incontrarsi, comunicare, crescere e imparare.

In questo modo i bambini sviluppano l’autonomia e acquisiscono sicurezza nella quotidianità.

Per i bimbi mezzani l’attività proposta è stata un po' un ripasso avendo già trascorso un anno nella scuola ma, come dicevano i latini, “repetita iuvant”.

Hanno costruito una “scuola a fisarmonica” con i seguenti ambienti: classe – bagno – giardino – area pranzo/salone caratterizzandoli con diversi colori.

Gli ambienti della scuola

I delfini della classe Arancione: vado a scuola

Dopo aver letto il libro “Non voglio andare a scuola “di Alberto Pellai in cui il protagonista, inizialmente, non voleva andare a scuola, i bambini hanno invece capito l’importanza di frequentare la scuola! Quando si diventa grandi, la casa incomincia ad essere un ambiente “stretto”, è necessario andare in un posto più grande dove poter fare nuove esperienze e conoscere altre persone: non esiste luogo migliore della scuola!

I piccoli hanno realizzato un elaborato in cui hanno colorato i due ambienti che appartengono al loro vissuto, la casa e la scuola, collegati da una strada.

Vado a scuola

Laboratorio: Riciclami

Il laboratorio sul riciclo è iniziato con la lettura del libro “La Scatola”, la storia narra di una scatola un po’ triste perché vuota! Non aspetta altro che essere riempita di oggetti; oggetti che nessuno vuole più. I bambini avranno il compito di trovare e riempire la scatola con tanti oggetti che riutilizzeremo per dargli una nuova vita.

Dopo l’ascolto della storia, i bambini hanno decorato la scatola utilizzando foglie raccolte in giardino, pezzi di tovagliette, e pezzi di puzzle scombinati. Alla fine hanno portato la scatola in classe, pronta per accogliere tutto quanto verrà trovato dai bambini.

Riciclami

Sezione primavera: gioco delle presenze

La routine per i bambini è sinonimo di sicurezza ma è anche una grande opportunità sociale ed educativa. Permette infatti di creare, attraverso gesti che si ripetono ogni giorno, un rapporto individuale sia con gli altri bambini che con le maestre. Uno dei primi giochi quotidiani che i bambini svolgono durante la mattinata è quello delle presenze.Le insegnanti hanno incollato su una piccola scatola un’immagine di una scuola e ogni bambino deve riporre la propria foto all’interno.

Sezione primavera: gioco delle presenze

Sezione primavera: canzoni mimate

I bambini adorano le filastrocche, le canzoncine in rima e le canzoncine mimate: sono facili da imparare, sono divertenti, infondono allegria e spesso sono accompagnate da movimenti del corpo che seguono le parole che le rendono quindi ancora più accattivanti.

Sezione primavera: canzoni mimate

Sezione primavera: ci divertiamo giocando tutti insieme

Nei bambini a partire dai due anni, cresce la capacità di giocare con gli altri coetanei e anche di strutturare il gioco simbolico. Il bambino “facendo finta di”

Sezione primavera: ci divertiamo giocando tutti insieme

 utilizza giochi ed oggetti per inventare storie di fantasia sempre più complesse ed articolate.

Pagine

Abbonamento a RSS - Didattica

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.